Sindrome irritativa-compressiva del nervo Mediano al polso, con funzione prevalentemente sensitiva, caratterizzata da parestesie sul territorio di distribuzione del nervo, faccia palmare delle prime tre dita e metà radiale del 4°, dolore regione palmare del polso. I sintomi sono prevalentemente notturni che di solito diminuiscono con il movimento delle dita e del polso.

I sintomi sono costituiti da formicolio o sensazione di bruciore (o dolore) alle prime 3-4 dita della mano, spesso solo al 3° e 4° dito. Il dolore spesso si estende all’avambraccio, talora al braccio e più raramente alla spalla. Il formicolio risulta, di solito, più accentuato di notte tanto da risvegliare il paziente e costringerlo a ricercare una posizione del polso e della mano per ridurre il fastidio. Negli stadi più avanzati la perdita di sensibilità e il dolore compaiono anche di giorno in concomitanza con semplici attività quotidiane come guidare l’automobile o leggere un giornale o tenere la cornetta del telefono o in concomitanza con attività lavorative che richiedono movimenti ripetuti di prensione. I pazienti, a volte, possono notare una riduzione della forza con difficoltà ad afferrare alcuni oggetti che possono cadere improvvisamente dalle mani.

 

DIAGNOSI:
Oltre che sulla base della storia clinica la diagnosi viene posta con l’ausilio di un esame denominato Elettromiografia (EMG)

TRATTAMENTO:
La sintomatologia, soprattutto negli stadi iniziali, può spesso essere risolta senza ricorrere all’intervento chirurgico.
L’identificazione e il trattamento medico dell’eventuale malattia di base, il cambiamento di una gestualità lavorativa particolare sono tutte procedure volte a ridurre la pressione sul nervo mediano.

Anche la terapia medica antiinfiammatoria somministrata per via orale o un’infiltrazione di cortisone direttamente nel Tunnel carpale possono, a volte, risolvere la sintomatologia.
Se la sintomatologia non migliora il trattamento chirurgico risulta necessario e ha lo scopo di creare più spazio nel Tunnel carpale riducendo così la compressione sul nervo. Il trattamento consiste in una piccola incisione della cute del palmo della mano (1,5 CM ) e nella successiva incisione del legamento trasverso del carpo. 
Il tutto viene effettuato in Anestesia locale con tecnica Microchirurgica.
La rimozione dei punti avviene dopo 10 giorni.
In casi selezionati, può essere eseguito anche in Endoscopia.
La tecnica consiste nel praticare una piccola incisione al polso attraverso la quale viene introdotta all’interno del tunnel carpale una sonda a fibre ottiche che consente di vedere il legamento trasverso e, contemporaneamente, di sezionarlo.

La funzionalità completa della mano avviene normalmente entro 4/6 settimane.