CHE COS'E' L'ALLUCE VALGO:

E’ una patologia del piede che si caratterizza per la deformità della I articolazione metatarso-falangea che appare angolata all’interno con la conseguente deviazione laterale e/o la rotazione dell’alluce verso le altre dita.

Alluce valgo

La malattia è molto diffusa ed ha un’incidenza che aumenta progressivamente con l’età: 3% tra 15-30 anni, 9% tra 31-60 anni, 16% oltre i 60 anni. Sono più frequentemente colpite le femmine rispetto ai maschi (rapporto F/M = 2-4:1), senza differenze tra le diverse etnie, mentre è ormai nota la predisposizione genetica.

La deformazione può essere dovuta a:

• Predisposizione genetica

• Malformazioni congenite

• Utilizzo di calzature inadatte (pianta stretta, punta stretta e tacco alto)

• Lesioni a carico del piede

                                                                                                   • Problemi di peso, di postura o di tono muscolare

                                                                                                   • Alcune forme di artrite

Quali sono i sintomi?

La sintomatologia può variare: alcuni pazienti lamentano dolore al secondo dito piuttosto che all’alluce, mentre altri riferiscono di provare un violento dolore, pur senza avere deformità notevoli. Il progredire della patologia può provocare dolore anche intenso con una limitata capacità di movimento dell’alluce e portare a deformazioni invalidanti. Nei casi più gravi la deviazione dell’alluce può portare all’accavallamento dell’alluce con il secondo dito del piede. La cute che ricopre l’articolazione interessata da questo disturbo può apparire rossa e dolente. In generale, comunque, l’alluce valgo è caratterizzato dalla presenza di diversi sintomi quali:

• Presenza di un rigonfiamento alla base dell’alluce

• Gonfiore o arrossamento intorno all’alluce

• Ispessimento della cute alla base dell’alluce

• Dolore persistente o intermittente

• Capacità limitata nei movimenti dell’alluce

Pertanto, è assolutamente consigliabile indossare scarpe comode e di evitare calzature con pianta stretta, punta stretta e tacco alto.

Trattamento

Diversi sono i trattamenti a disposizione per l’alluce valgo. La scelta dipende dalla gravità della sintomatologia.

Trattamenti non chirurgici:

• Indossare scarpe ampie e comode che offrano molto spazio per le dita dei piedi

• Applicare un bendaggio che mantenga il piede in posizione normale, riducendo lo stress sull’alluce e alleviando il dolore

• Usare farmaci antidolorifici o cortisonici in caso di gonfiore

• Utilizzare cuscinetti per separare le dita e plantari correttivi per distribuire uniformemente il peso del corpo

• Applicare del ghiaccio sulla zona interessata e pomate antinfiammatorie, soprattutto dopo che si è stati a lungo in piedi

Trattamenti chirurgici:

La terapia chirurgica deve essere considerata quando le misure conservative non sono sufficienti a garantire una buona qualità di vita al paziente. I parametri da considerare sono: grado e tipo di deviazione, congruenza articolare, presenza di fenomeni degenerativi articolari, patologie e deformità associate, età, richieste funzionali del paziente. La complicanza più frequente è la recidiva; altre complicanze sono: infezioni, metatarsalgia cronica, necrosi avascolare del I metatarso (osteotomie distali), alluce varo (ipercorrezione). Si distinguono un:

Approccio chirurgico Endolog:

Il nostro centro effettua in regime ambulatoriale il trattamento chirurgico di correzione dell'alluce valgo con la metodica Endolog.

Ultima metodica che arriva direttamente dagli USA, dove si posiziona una piccola protesi che consente di caricare da subito senza alcun tipo di problema.

• Metodica mini-invasiva in microchirurgia 2 cm di ferita chirurgica

• Durate 15 minuti

• Anestesia locale

• Nessun chiodo o vite da rimuovere in un secondo momento

• Carico immediato

• Rimozione punti dopo 15 gg

• Garanzia della riuscita rispetto ai metodi precedenti superiore al 90%

• Correzione della deformità restituendo all’alluce la giusta posizione